Maria Vincenza Oliva Premio Marietta 2009

 

La vincitrice, Maria Vincenza Oliva, insieme a Carla Brigliadori, responsabile della Scuola di Cucina di Casa Artusi, e Verdiana Gordini, Presidente dell’Associazione delle Mariette

Maria Vincenza Oliva, dirigente scolastico in pensione proveniente da Taranto, ha vinto il concorso nazionale riservato ai cuochi dilettanti con I cavatelli ai frutti di mare.
“Ho presentato una ricetta che fa omaggio alla città di Taranto, che già duemila anni fa era celebre per i carichi di mitili e di ostriche che accuratamente conservati in ghiaccio, partivano dalle sue coste per raggiungere Roma, la capitale dell’Impero” ha commentato Maria Vincenza Oliva.
I cavatelli, pasta tipica della cucina pugliese, sono stati conditi con vongole veraci, gamberi e calamari freschi e pomodorini, dando vita ad un piatto estivo gustoso e ben equilibrato che ha conquistato all’unanimità la giuria, guidata da Verdiana Gordini, Presidente della Associazione delle Mariette.

 

La vincitrice, Maria Vincenza Oliva, insieme a Carla Brigliadori, responsabile della Scuola di Cucina di Casa Artusi, e Verdiana Gordini, Presidente dell’Associazione delle Mariette.

 

piatto-vincitore-Premio-Marietta-2009-300x224

 

 

 

 

 

 

Ricetta: I cavatelli ai frutti di mare”

 

 

 

INGREDIENTI per cinque persone:


cavatelli freschi, gr. 500;
vongole veraci, gr. 500;
gamberi freschi, gr 500;
calamari freschi, gr. 300;
pomodori freschi, ciliegino o datterino gr. 150;
olio extravergine di oliva, otto/dieci cucchiai da tavola;
una cipollina molto piccola;
uno spicchio di aglio;
un mazzetto di prezzemolo;
qualche foglia(due o tre) di basilico;
sale e pepe q.b.

 

Preparazione:

Innanzi tutto se non si hanno i cavatelli freschi già pronti (si vendono già confezionati), procedere alla preparazione della pasta (che è identica a quella, sopra descritta, delle orecchiette), e alla confezione dei cavatelli.
Lavare bene in acqua corrente le vongole già spurgate, metterle in una pentola, con un goccio di vino bianco, coprire e mettere sul fornello a fuoco vivace.
I molluschi si apriranno nel giro di pochissimo tempo e, appena saranno aperti, spegnere il fuoco. Una volta raffreddate, le vongole andranno sgusciate (se ne può conservare qualcuna col guscio per decorare il piatto), e la loro acqua ben filtrata, messa da parte.
In un tegame capace far imbiondire insieme la cipolla e l’aglio: appena questo sarà imbiondito, eliminarlo (io non sono esagerata come Alfonso di Castiglia rammentato dal nostro “padre” Artusi, ma se sento zaffate di aglio vengo presa dalle convulsioni!), e versare nell’olio i pomodorini, non spellati, e divisi in due o in quattro a seconda delle dimensioni.
Aggiungere subito i calamari, puliti e tagliati ad anelli, un po’ di prezzemolo tritato ed il pepe.
Per il momento non aggiungere sale perché, appena i pomodori si saranno asciugati cucendo a fuoco abbastanza vivace, andrà versata l’acqua delle vongole, filtrata.
Dopo qualche minuto aggiungere i gamberi sgusciati, lavati e privati del budello intestinale e, dopo un paio di minuti, aggiungere le vongole.
Bisogna tener presente che gli ingredienti devono cuocere molto poco, altrimenti diventerebbero secchi e stopposi.
Quando il sugo avrà raggiunto una consistenza, assaggiare per verificare il grado di sapidità e, se necessario, aggiungere un po’ di sale e un po’ di basilico tritato.
Nel frattempo lessare i cavatelli al dente, poi versarli nella padella col sugo, mantecare un attimo e impiattare.
Spolverizzare con prezzemolo tritato fine e pepe di mulinello, decorando con qualche vongola ancora nel guscio.
Il piatto deve risultare un po’ brodoso, non asciutto, perché si tratta di un minestra che andrebbe mangiata col cucchiaio.

 

Tempi di preparazione:
Se si utilizza pasta già pronta, calcolando il tempo necessario per la pulizia di calamari e gamberi oltre che per la cottura, si può conteggiare un’ora e venti minuti circa per il piatto finito.
Se si vogliono preparare i cavatelli in casa, occorreranno un paio d’ore.

CONTATTACI

Compila il modulo di seguito per contattarci.

Sending

©2022 Festa Artusiana - Comune di Forlimpopoli - C.F. 80005790409 - P.IVA 00616370409 - piazza Fratti 2, 47034 Forlimpopoli (FC) - Sito internet realizzato da manuelragazzini.it - Privacy Policy

  • T  T  T  T  

Log in with your credentials

Forgot your details?