Stefano Bicocchi “Vito” Premio Marietta ad Honorem 2012

vitoStefano Bicocchi in arte Vito si forma alla scuola di Teatro Bologna di Alessandra Galante Garrone.
I suoi compagni sono Patrizio Roversi e Susy Blady; con loro ed i gemelli Ruggeri parteciperà, col personaggio Vito che era tutta mimica e senza parola, alla formazione del Gran Pavese varietà, spettacolo cult degli anni ’80 al circolo pavese di via del Pratello di Bologna.
Lo stesso gruppo approda in televisione dove segna la strada ai varietà comici sempre di quegli anni con Gran Paese varietà voluto da Gianni Minoli e soprattutto Lupo solitario, Matrioska e Araba fenice con Antonio Ricci e Mediaset.
Vito, da personaggio muto, negli anni ’90 passa alla parola con uno spettacolo fortunato dal titolo Se perdo te, inizio di un percorso legato alla poetica della bassa emiliana; gli spettacoli, sempre in coppia con Francesco Freirye e Daniele Sala come autori, sono Don Chisciotte o la vera storia di Guerino e suo cugino con Enzo Iacchetti e salone Meraviglia con Antonio Albanese e Tita Ruggeri.
Attraversa il cinema  partendo da Fellini con La voce della luna e poi inizia un sodalizio con Alessandro Benvenuti col quale gira diversi film tra i quali Ivo il Tardivo per il quale viene candidato come miglior attore non protagonista al Ciak d’Oro.
In seguito lavora anche con Ivano Marescotti, Enrico Bertolino e numerosi altri personaggi dello spettacolo.
Un importante filone del suo interesse è rappresentato dalla passione per la cucina, testimoniato dalla pubblicazione di due volumi: “Donne e ricette” insieme a Maurizio Garuti e Fabio Fantuzzi; “E’ pronto a tavola“, più di cento ricette del suo repertorio che prendono spunto da diverse tradizioni gastronomiche, in primis quella italiana ed emiliana, con una particolare predilezione a quelle tradizionali della sua famiglia.
La cucina è stata anche al centro di alcuni suoi spettacoli teatrali e programmi televisivi (“Invito a cena” e “Piatto ricco“), così come notevole è stata la sua attenzione a Pellegrino Artusi a cui ha dedicato con reading e spettacoli.
Il Premio Marietta ad Honorem è stato assegnato all’artista VITO perché il cibo e la buona pratica domestica, anche con ricette e storie di famiglia, ha caratterizzato un percorso artistico e umano di straordinario valore e interesse. 

CONTATTACI

Compila il modulo di seguito per contattarci.

Sending

©2019 Festa Artusiana - Comune di Forlimpopoli - C.F. 80005790409 - P.IVA 00616370409 - piazza Fratti 2, 47034 Forlimpopoli (FC) - Sito internet realizzato da manuelragazzini.it - Privacy Policy

  • T  T  T  T  

Log in with your credentials

Forgot your details?